Bibliografia Ferroviaria Italiana


ERMINIO MASCHERPA

Locomotive da corsa. Storia del Gruppo E.326

Salò : ETR Editrice Trasporti su Rotaie, 1993.
Pagine 144. Cm. 24x22. Rilegato.
ISBN 88-85068-06-5

Dalla quarta pagina di copertina: "L'alta velocità ferroviaria in Italia risale all'epoca del fascismo. La politica di prestigio nazionale e l'opportunità di un'offerta ferroviaria particolarmente qualificata portarono all'istituzione di treni rapidi aventi tracce impostate al di sopra dei 100 km/h.

Le prime locomotive elettriche ad alta velocità, E.326 ed E.428, erano destinate a viaggiare sulle ferrovie "direttissime". Progettate secondo i criteri di unificazione dell'ingegnere Giuseppe Bianchi delle Ferrovie dello Stato, nell'esercizio diedero origine a un numero specifico di guasti assai basso; per contro, a causa delle ancora rudimentali conoscenze tecniche delle interazioni fra ruote e rotaie a velocità fino allora inusitate in Italia, nei lunghi rettifili manifestarono irregolarità di marcia tali da rendere impossibile l'effettuazione dei servizi previsti.

Sulla scorta di documenti inediti e di pubblicazioni oggi difficilmente rintracciabili negli archivi, l'autore presenta quegli avvenimenti in una luce nuova e in particolare narra la storia e la tecnica delle E.326, dall'origine del progetto alla fine dell'attività, soffermandosi specialmente sugli esperimenti via via compiuti negli anni, nell'intento di migliorarne la qualità di marcia."

Indice del libro
Ringraziamento6
Elenchi dei disegni e dei nomi di persona6
Elenchi delle fotografie, delle tabelle e delle abbreviazioni7
Presentazione9
Cronologia11
I - LA STORIA
1 - Verso l'alta velocità14
Un risultato stupefacente - Il problema meccanico - Alta velocità in Italia - Westinghouse e il suo primato - La strada già tracciata
2 - Un grande disegno20
Giuseppe Bianchi e l'unificazione - I quattro tipi - Ascendenti dell'E.326 - Un dispositivo originale - La caldaia per il riscaldamento del treno - Prima ordinazione
3 - Le prime prova32
Il rapporto da montagna - Malattie d'infanzia - Esame per la trasmissione Bianchi - Il gran passo - E.326 di serie - Sulla Direttissima Bologna-Firenze - Burrasca
4 - Locomotive in crisi48
Delusione - Giuseppe Bianchi se ne va - Inconvenienti delle E.326 - Prova e riprova - Una cura da cavalli - Gli zanzaroni - Falso allarme - Furia bellica
5 - Dopo la ricostruzione60
Fine degli zanzaroni - Ancora modifiche - Il separatore D'Arbela e i suoi guai - Alfredo Greco trova la soluzione - La ripetizione dei segnali in macchina - Al museo
II - LE MACCHINE
1 - I prototipi E.326.001-002108
2 - La prima serie E.326.003-012110
3 - Le locomotive ricostruite E.326.001-012112
4 - Aspetti comuni e particolarità116
Classificazione - Meccanica - Ripartizione del peso - Coloritura - Compressore meccanico - Tachigrafo - Binde - Scartamento - Tensione elettrica di linea - Pantografi - Sicurezza - Circuito di trazione - Motori - Trasmissione - Potenza - Velocità - Prestazioni - Peso reale, peso frenato
Glossario140
Bibliografia142
Dove si trova in bibliotecaCittàProv. Segnatura Fonte
Apri la scheda del Servizio Bibliotecario NazionaleSBN
Recensioni
Recensione in "iTreni", n. 139, luglio-agosto 1993, pagina 31

Le informazioni contenute in questa pagina sono fornite senza alcuna garanzia di accuratezza, completezza o correttezza.